MINDFULNESS

MINDFULNESS significa presenza mentale. Portare l’attenzione consapevolmente e con intenzione al momento presente. Aprirsi totalmente all’esperienza del presente, osservare e notare le sensazioni che arrivano, e scoprire quanto i pensieri possono influenzare l’esperienza e il nostro modo di vedere e vivere la realtà. Mindfulness è una parola inglese che significa consapevolezza, un termine meraviglioso ma vuoto di significato se non supportato da una pratica, per questo è difficile spiegare a parole ciò che può essere coltivato con l’esperienza diretta.

Mindfulness IL PROTOCOLLO MBSR

Il protocollo MBSR Mindfulness Based Stress Reduction è stato ideato dal professore Jon Kabat Zinn biologo, medico, e da lui sviluppato presso il centro medico dell’Università del Massachusetts negli anni 1970. È un programma psico-educativo di gruppo per la riduzione dello stress basato sulla Mindfulness, sempre più confermata da studi scientifici. La pratica MBSR si basa sulla meditazione di consapevolezza e sulla pratica di esercizi corporei e permette di sviluppare un rapporto più reale e intimo con se stessi.

Una domanda frequente che viene posta è: cosa porta la pratica della Mindfulness? Questa tecnica è ormai riconosciuta a livello mondiale e studi dimostrano che i benefici sono molti e vanno dalla maggiore consapevolezza dei propri stati mentali, la qualità dell’attenzione migliora come la concentrazione e la memoria. Cambia il rapporto con le proprie emozioni, si diviene meno reattivi in situazioni stressanti, e si diviene meno agiti dal “pilota automatico” e più liberi di fronte ad una scelta. Al di là di ciò che la scienza sta dimostrando, un aspetto fondamentale sta nella costanza e perseveranza nella pratica, solo così sarà possibile sperimentare l’efficacia del protocollo.
Per mia esperienza diretta, non c’è una risposta unica, io, Miriam Lucia, posso esprimere cosa mi porta la pratica meditativa e la spinta che mi ha portato a diventare istruttore di Mindfulness MBSR in queste brevi righe:
“ la MINDFULNESS per me è consapevolezza nel conoscere me stessa. Conoscere me stessa è stato come aprire una porta per entrare in una nuova stanza, restare lì, con pazienza, curiosità e coraggio, attendere per conoscere cosa c'è in quella stanza. Sentire il corpo, il respiro, le sensazioni che emergono, non avere fretta, sentire che non devo andare da nessuna parte, non ho una meta, quando è il giusto momento posso accedere alla stanza successiva. La pratica mi sta insegnando la pazienza, la fiducia e la curiosità di conoscermi con amore."

Il protocollo MBSR prevede otto incontri settimanali di due ore e mezza e una giornata intensiva di pratica. 

Il corso è tenuto da Miriam Lucia Bertolli.